B femminile: sorridono Marsciano e Trestina

124

SERIE B1 F

   

TREVI CEDE NELLA TRASFERTA ROMANA CONTRO SANTA LUCIA

Sono ripresi giochi anche per Trevi, che dopo la sosta di due settimane osservata alla fine del girone di andata, nel turno precedente aveva riposato. Uno stop di ben tre settimane che tuttavia non ha giovato alla squadra di coach Camiolo.

Le trevane lottano molto nel primo set, tanta era la voglia di tornare a combattere in campo. Corradetti è in serata positiva e dice la sua in attacco. Si arriva al rush finale in equilibrio (20-20), ma sono le padrone di casa a piazzare la zampata finale, aggiudicandosi il primo set con il minimo scarto (25-23).

Le ruggini della pausa cominciano però a farsi sentire alla ripresa del gioco, con le padrone di casa che approfittano di un saldo dell’attacco ospite insufficiente per impensierirle (25-16).

Il gioco sembrerebbe fatto per le laziali, ma nel terzo set Trevi ritrova smalto e buone giocate. Per contro le padrone di casa calano e cedono la frazione (19-25).

Tutto farebbe pensare alla possibilità di rimettere tutto in bilico. Ma il quarto set è ancora da dimenticare per Trevi, che sii disunisce fin dalla prime battute, così cedendo il frangente (25-11) e l’intera posta.

La sconfitta consegna a Trevi il terzultimo posto, con il punteggio fermo a quota 13. da questo momento in poi, in chiave salvezza, ogni punto sarà decisivo, a partire dalla prossima sfida tra le mura amiche. Avversarie di turno le fiorentine di Liberi e Forti 1914, attualmente settime con 19 punti all’attivo.

SANTA LUCIA FONTE NUOVA – LUCKY WIND TREVI 3 – 1

(25-23, 25-16, 19-25, 25-11)

SANTA LUCIA FONTE NUOVA: Culiani 15, De Arcangelis 13, Cottone 11, Sturabotti 8, Mazzoni 7, Gatto 3, Rumori (L1), Croci 2, Viselli 1, Cherubini, Cesaroni, Colonnelli; n.e.: Colonnelli, Forte, Gargano (L2) (b.s. 8, 9 ace, 15 muri, 14 errori)

Allenatori: Lorenzo De Gregoriis e Lorenzo Valentini

LUCKY WIND TREVI: Corradetti 24, Gresta 9, Casareale 7, Kraja 6, Danaila 4, Di Arcangelo 3, Natalizia (L), Della Giovampaola, Sirci; n.e.: Tizi, Pioli, Mariano (b.s. 8, 4 ace, 6 muri, 26 errori)

Allenatori: Piero Camiolo e Albino Bosi

Arbitri: Lohara Atzeni e Daniele Melis

PROSSIMO TURNO E CLASSIFICA

clicca qui

SERIE B2 F

MARSCIANO “STRAPAZZA” LA CAPOLISTA

Forse gli allibratori londinesi avrebbero dato Marsciano con una quotazione molto alta. Perché probabilmente avrebbero ritenuto le padrone di casa battute in partenza contro la capolista Ius Arezzo. Ma avrebbero dovuto sborsare assai a coloro che avessero creduto nella squadra guidata da coach Sperandio, che all’esito di un match giocato alla grande, ha fattto sua l’intera posta senza cedere parziali.

Il match è di quelli tosti. E si vede subito, perché la lotta è durissima nel corso del primo set. Un parziale al quale le padrone di casa rimangono attaccate con le unghie e con i denti. E che, nonostante il recupero delle avversarie quando si sono trovare a + 6 (16-10), fanno proprio ai vantaggi, con il punteggio che va ben oltre quota 25 (31-29).

La svolta sta tutta in questo primo set, giocato a viso aperto dalle padrone di casa, senza nessun timore reverenziale. Ma si torna a lottare anche nel corso del secondo set, con il punteggio che rimane in equilibrio fino a metà frazione (15-15). Marsciano è consapevole dei propri mezzi e spinge molto, a partire dai nove metri. Ma nonostante la reazione delle toscane, le marscianesi raddoppiano (25-22), per poi dilagare in quello successivo (25-10), comandato dall’inizio alla fine, con le avversarie incapaci di organizzare una reazione degna di questo nome.

La bella vittoria conquistata da Marsciano, al netto degli scricchiolii di Arezzo che si erano palesati già nel turno precedente contro Trestina, certifica una volta in più che è sempre il campo a dire la sua. E in campo Marsciano può certamente schierare un potenziale che la mette in condizione di giocarsela alla pari con tutte, come questa partita ha ampiamente dimostrato.

Quanto alla classifica i punti conquistati sono a dir poco preziosi, perché consentono di portarsi a quota 19, con un nono posto che fa ben sperare in chiave salvezza.

Il prossimo turno vedrà impegnata Marsciano nella trasferta contro Omac Active, altra aretina che naviga nelle zone alte della classifica. Alla luce dii quanto visto in campo contro la capolista sarà obbligatorio crederci ancora.

SAMER MARSCIANO – IUS AREZZO 3 – 0

(31-29, 25-22, 25-10)

SAMER MARSCIANO: Carboni A. 21, Santi 11, Ndulue 10, Volpi 6, Pierini 5, Brunori, Fagioli (L1), Carboni V. 9, Cornacchini, Scarabottini, Chiattelli; n.e.: Martinoli, Scanu (b.s. 4, 8 ace, 11 muri, 13 errori)

Allenattori: Gian Paolo Sperandio e Marco Simeoni

IUS AREZZO: Fattorini 13, Tani 11, Mancini 10, Avellini 4, Talarico 3, Sussi 2, Masini (L1), Masotti 1, Rufini, Borgogni (L2); n.e.: Caneschi, Gamberi, Ricciarini, Fini (b.s. 4, 3 ace, 4 muri, 17 errori)

Allenatori: Marco Gobbini e Alessandro Magnaterra

Arbitri: Giordano Amarisse e Claudio Pardo

PROSSIMO TURNO E CLASSIFICA

clicca qui

IL DERBY SALVEZZA VA A TRESTINA

Le altotiberine padrone di casa in questo scontro salvezza andato in scena contro Fossato ci credevano. L’ultimo turno aveva infatti consegnato alle cronache una squadra mai doma, che aveva sfiorato l’impresa contro la prima della classe, cedendo in casa di Ius Arezzo solo al tie break.

Ma cii credeva anche fossato, che dopo le ultime prove aveva dimostrato di saper lottare su ogni pallone, tanto che con ii punti messi in cascina era riuscita a muovere una classifica che si era fatta a dir poco preoccupante e che, senza inversioni di tendenza, le avrebbe condannate a… “morte sicura”.

Dunque un derby a dir poco atteso, all’inizio del quale Fossato aveva messo in chiaro le cose. Il muro ben assestato era riuscito a contenere l’attacco delle padrone di casa. E con una più che positiva Ciavattini in attacco il primo parziale è andato a referto a favore delle ospiti (21-25).

Trestina non ci sta. Il pubblico di casa spinge molto. Ma soprattutto, quanto al campo, chi spinge molto è Malesardi, alla fine  delmatch top scorer con 25 punti. La battuta fa il resto e le bianconere impattano (26-24) per poi mettere la freccia nel parziale successivo (25-19).

Quarta frazione in bilico fino alla fine, con le fossatane che fino a un certo punto avevano dato l’impressione di poter allungare la partita. Ma di nuovo ai vantaggi, è Trestina a dire la sua (26-24).

Il successo delle padrone di casa, non solo e non tanto per l’allungo sulle avversarie dirette battute sul campo, è stato fondamentale. Già, perché i tre punti incamerati, nonostante gli altri risultati, consentono a Trestina di rimanere aggrappata alla zona salvezza (all’undicesimo posto, con 17 punti all’attivo).

Un po’ più complicato è il discorso per Fossato, che certo la matematica non condanna, ma che in virtù degli 11 punti conquistati, è al penultimo posto della classifica.

Il prossimo turno vedrà Trestina impegnata a Calenzano, per quella che si profila ancora come sfida diretta, mentre Fossato tornerà tra le mura amiche e si scontrerà con Magione, negli ultimi turni in crisi di risultati e di gioco.

AUTOSTOP TRESTINA – FOSSATO VOLLEY 3 – 1

(21-25, 26-24, 25-19, 26-24)

AUTOSTOP TRESTINA: Malesardi 25, Zani 12, Mancini 8, Valentini 8, Esposito 7, Baruffi 4, Cesari (L1), Saia 2, Gnassi; n.e.: Cincinelli, Ciabatti, Gambino, Di Francesco (L2) (b.s. 13, 7 ace, 1  muro, 19 errori)

Allenatori: Francesco Brighigna e Claudio Nardi

FOSSATO VOLLEY: Ciavattini Er. 16, Servettini 9, Ciavattini El. 8, Beciani 8, Noto 6, Fattorini M. 5, Sagramola (L1), Santocchia 8, Cicogna, Provvedi, Bellucci (L2); n.e.: Palazzi, Cusarelli, Inweregbu (b.s. 14, 5 ace, 12 muri, 14 errori)

Allenatori: Massimo Pugnitopo e Giuliano Chiocci

Arbitri: Alessia Bruttini e Benedetta Fibbi

PROSSIMO TURNO E CLASSIFICA

clicca qui

MAGIONE AL TAPPETO CONTRO RINASCITA FIRENZE

Non si ferma l’emorragia di risultati di Magione, costretta a registrare una nuova sconfitta, questa volta tra le mura amiche, a opera di Rinascita Firenze, che chiude la partita in tre parziali.

Ai blocchi di partenza pesano certo le condizioni di Giunti e Tarducci, alle prese con postumi da infortunio e non certo al top della forma.

Il match comincia in salita  per le padrone di casa, con le toscane che approfittano di un fatturato dell’attacco di Magione insufficiente per dire la sua. Anzi, le magionesi sbagliano molto e la conquista del primo vantaggio per Firenze è abbastanza agevole (15-25).

La  squadra di coach Bovari si scuote nel secondo set e riesce a comandare (21-17). ma po si disunisce e consente alle avversarie l’aggancio e il sorpasso che vale il doppio vantaggio nel conto dei set (25-27).

Alla ripresa del gioco nuova falsa partenza di Magione (2-8), che nel prosieguo riesce però a recuperare (20-20). Ma è un fuoco di paglia, perché le ospiti ci credono ancora e approfittano di un nuovo calo dall’altra parte della rete; fino a mettere a referto i punti che valgono la conquista del set decisivo (22-25).

Malgrado la sesta sconfitta consecutiva e solo qualche punto racimolato nei tie break di queste sfide, Magione è oggi al settimo posto, con 25 punti all’attivo. Ma certo il buon momento che aveva caratterizzato il girone di andata, almeno fino alla pausa natalizia, è cosa lontana. Tutto è ancora possibile e la speranza è che, con il recupero a pieno servizio di tutto il roster, si possa verificare un’inversione di tendenza. Però è certo che questa inversione di tendenza dovrà registrarsi già a partre del prossimo impegno, quando le rossoblu saranno impegnate in quel di Fossato, a caccia di risultati e sufficientemente in vena per poter impensierire Magione.

TMM OF OCCHIALI MAGIONE – RINASCITA FIRENZE 0 – 3

(15-25, 25-27, 22-25)

TMM OF OCCHIALI MAGIONE: Pistocchi G. 12, Guerrini 11, Guarino 9, Artini 6, Vibi 2, Mitu 2, Nasi (L1), Castagnoli 2, Baldoni 1, Barsotti, Giunti; n.e.: Mochetti, Tarducci, Dentini (L2) (b.s. 11, 5 ace, 10 muri, 16 errori)

Allenatori: Fabio Bovari e Simone Giannoni

RINASCITA FIRENZE: Masini 16, Ceccherelli 10, Ciotoli 8, Orlandi 7, Palandri 6, Neri 2, Giuntini (L1), Sborigi 1, Bichi; n.e.: Cecchi, Pistocchi S., Berni (L2) (b.s. 6, 8 ace, 7 muri, 11 errori)

Allenatori: Roberto Pedone e Fabio Segantini

Arbitri: Sara Ciampanella ed Andrea Pallotti

PROSSIMO TURNO E CLASSIFICA

clicca qui

Raffaello Agea