Il derby di B1 è di San Giustino: Trevi va ko (3-0)

834

Il derby di B1 è di San Giustino: Trevi va ko (3-0). Netto successo della formazione di Gobbini su quella di Sperandio

   

La Piccini Paolo spa San Giustino si è imposta nettamente per 3-0 nel derby umbro contro la Lucky Wind Trevi, scavalcandola in classifica e chiudendo la fase di andata del campionato di Serie B1 con un eccellente bilancio di 25 punti in 13 gare.

CRONACA

Si comincia con Gian Paolo Sperandio, tecnico della Lucky Wind, che conferma in regia la fiducia ad Aurora Di Arcangelo; Alessandra Capezzali è l’opposto, Marina Tiberi e Corinna Cruciani formano la coppia centrale, Manuela Roani ed Elena Cappelli agiscono a lato e Sara Ciancio ricopre le mansioni di libero. Senza la Mezzasoma, coach Gobbini ripropone la diagonale composta da Benedetta Giordano e Giorgia Silotto, con al centro Valentina Mearini e Francesca Borelli, alla banda Silvia Tosti e Carlotta Romani e libero Nayma Galetti. Equilibrio iniziale regnante fino al 5-5, con la Tosti che ha già scaldato la mano in attacco; dopo un muro della Borelli sulla Roani, è proprio il capitano a dare il via all’allungo di San Giustino, con l’ace della Borelli e il muro della Mearini che portano la situazione sull’11-6. Tentativo di reazione delle ospiti (la Roani va a segno in battuta), subito neutralizzato dal muro, che in questo frangente è l’arma in più della Piccini Paolo spa; in attacco, poi, la Tosti non perdona, colpendo anche con i pallonetti e in pipe. Il massimo vantaggio di +6 (17-11) è dimezzato da uno slash della Tiberi e Trevi arriva a ridurre il ritardo fino a -2, sul 16-18, per poi venire frenata da una schiacciata a segno della Silotto; la Romani e la Borelli in fast consentono alle locali di tenere il +3 e di affidare alla Mearini la free ball e il muro sulla Cruciani che chiudono il primo set sul 25-20. Formazioni invariate nella seconda frazione, che vede protagonista la Silotto anche a muro e la fast fuori bersaglio della Cruciani fa scavare alla Piccini Paolo spa un altro piccolo fosso sull’8-4 in suo favore. È il momento buono per Giorgia Silotto, che firma di potenza e con un pallonetto i punti che permettono a San Giustino di andare sul 13-6, mentre dall’altra parte Sperandio ha già cambiato la palleggiatrice, inserendo la Monaci al posto della Di Arcangelo. Un nuovo muro della Mearini sulla Capezzali produce il massimo vantaggio sul 16-8 e di lì a poco la Casareale avvicenda la Cappelli nelle file della Lucky Wind, ma la retroguardia delle padrone di casa è impenetrabile e il grande lavoro è poi capitalizzato in attacco, dove la Borelli chiude un grande e prolungato scambio con la fast che vale il 18-10. A questo punto, Trevi recupera tre lunghezze per poi ridare successivamente fiato alla Piccini Paolo spa sull’errore in battuta della Cruciani. La Silotto c’è ancora per il 22-15, la Capezzali imita la Cruciani al servizio, servendo troppo lungo e altri muri chiudono i giochi sul 25-17: il primo è opera della Silotto, il secondo della Borelli sulla Capezzali. Sperandio lascia in campo la Monaci ed è questa la novità saliente in avvio di terzo set, con la Piccini Paolo spa che si ripete: Mearini, Tosti e Silotto danno subito lo strattone, un attacco fuori bersaglio delle trevane firma il 6-2 e l’ace della Silotto, che aggiorna il punteggio sull’8-3, costringe la Lucky Wind a far rifiatare la Cappelli, sostituita dalla Sabbatini. Torna a ringhiare la Romani con due punti di fila (10-3) e neanche il time-out chiesto da Sperandio sortisce i suoi effetti, perché la difesa sangiustinese tiene sempre alta la guardia e le varie Mearini e Tosti si affidano alle loro doti migliori quando c’è da piazzare il tocco risolutore. Sul 15-9, tuttavia, una parallela della Capezzali giudicata buona restituisce la speranza a Trevi, che riduce le distanze per effetto anche di qualche errore sul versante locale e si riorganizza in difesa, nell’unico frangente in cui riesce a mettere alle corde la Piccini Paolo spa. Quando la schiacciata della Romani non supera la rete, il divario scende ad appena due lunghezze (18-16), ma è proprio in questo frangente che la formazione di Gobbini trova la freddezza per impostare l’allungo finale, partendo con una pipe della Tosti e proseguendo con un muro della Silotto sulla Cappelli, poi provvede involontariamente la Capezzali, che sullo scambio seguente non inquadra il campo. Ancora Silotto ed è 20-15, poi dall’altra parte della rete la Cruciani esce per far posto a Irene Della Giovampaola e subito dopo la Di Arcangelo rileva la Monaci, ma il match è oramai nelle mani di San Giustino, con la Tosti che provvede agli ultimi punti: suo anche il diagonale del 25-16 finale.

INTERVISTE

Marco Gobbini, coach Piccini San Giustino

“Sapevamo che il Trevi è un’ottima squadra, come sapevamo che se gli avessi lasciato qualcosa ne avrebbe subito approfittato. Era una partita che avremmo dovuto giocare molto in battuta e in difesa: in effetti, non abbiamo fatto cascare nulla. Sono contento anche perché siamo usciti al meglio da un’altra settimana complicata, con Carlotta Romani febbricitante e con Elisa Mezzasoma ancora ferma; speriamo di recuperarla al più presto. Oggi abbiamo dimostrato di essere un gran gruppo, mettendo in campo un carattere che si è evidenziato in difesa, dove abbiamo lottato persino su palloni impossibili”.

Marco Brozzi, Presidente Piccini San Giustino

 “Gran bella prestazione delle nostre ragazze, sono state davvero brave”.

PICCINI PAOLO SPA SAN GIUSTINO – LUCKY WIND TREVI 3-0 (25-20, 25-17, 25-16)

PICCINI PAOLO SPA SAN GIUSTINO: Betti, Borelli 8, Galetti (L) ricez. 67%, Mearini 15, Silotto 13, Tosti 19, Romani 5, Giordano 2. Non entrate: Marinangeli, Leonardi, Mezzasoma. All. Marco Gobbini e Claudio Nardi

LUCKY WIND TREVI: Di Arcangelo, Della Giovampaola, Tiberi 3, Monaci, Ciancio (L) ricez. 71%, Roani 5, Capezzali 13, Cruciani 9, Sabbatini, Cappelli 4, Casareale. Non entrata: Patasce. All. Gian Paolo Sperandio e Albino Bosi.

Arbitri: Giorgia Adamo di Roma e Christian Battisti di Latina.

 SAN GIUSTINO: battute sbagliate 4, ace 2, muri 16, ricezione 71% (perfetta 38%), attacco 32%, errori 15.

TREVI: battute sbagliate 6, ace 1, muri 6, ricezione 64% (perfetta 25%), attacco 21%, errori 13.

 Durata set: 27’, 28’ e 30’, per un totale di un’ora e 25’.