B femminile: weekend positivo per le umbre

113

SERIE B1 F

   

TREVI TORNA AL SUCCESSO: LIBERI E FORTI FIRENZE BATTUTA IN 4 SET

Torna a sorridere la squadra guidata da coach Camiolo, che nella sfida interna contro  Liberi e Forti Firenze (una delle potenziali avversarie dirette in chiave salvezza), regola le ospiti in  quattro parziali.

Le trevane sono decise a riscattarsi rispetto alla deludente prova del turno precedente, che le aveva viste cedere l’intera posta sul campo di Santa Lucia Roma. E lo fanno fin dall’inizio, mantenendosi sopra il break (7-3). Il vantaggio aumenta (17-12) e si mantiene costante nonostante le ospiti cerchino di reagire. Il primo set va a referto a favore di Trevi con un significativo + 10 (25-15).

Parte ancora forte Trevi (4-1), ma è un fuoco di paglia. Le toscane non ci stanno, ma soprattutto sono le padrone di casa a perdere il filo del discorso. Firenze si porta in vantaggio (11-16) e malgrado i cambi di Camiolo, il vantaggio di manterrà, anzi aumenterà fino alla conquista del pareggio nel conto sei set (14-25).

La reazione delle trevane e d’orgoglio e di sostanza. Il punteggio si mantiene in equilibrio fino a metà parziale, anzi sono le ospiti a mettere il naso avanti (10-11). Ma quel punto arriva la vera reazione di Trevi, che grazie a un parziale di 15 a 5, mette il punto esclamativo sul set, che conquista con ampio margine (25-16).

La fiducia è ritrovata. E si vede nel quarto set, con le biancazzurre che abbattono i residui tentativi di resistenza delle avversarie. La cronaca è certo superflua a fronte di un punteggio del set decisivo (25-10), che non lascia spazio a interpretazioni diverse dalla superiorità dimostrata in campo.

I tre punti conquistati sono fondamentali per il prosieguo del cammino verso la sperata salvezza. Grazie al bottino pieno conquistato Trevi raggiunge quota 16, che vale il decimo posto in classifica. Ma da questo punto in poi, soprattutto contro le avversarie dirette, servirà dare il massimo. E proprio in occasione del prossimo turno andrà in scena uno di questi scontri, quando Trevi affronterà Ambra Cavallini, attualmente undicesima, con 15 punti all’attivo.

LUCKY WIND TREVI – LIBERI E FORTI FIRENZE 3 – 1

(25-15, 14-25, 25-16, 25-10)

LUCKY WIND TREVI: Corradetti 25, Casareale 13, Gresta 13, Danaila 11, Di Arcangelo 4, Kraja 3, Natalizia (L), Della Giovampaola, Mariano, Tizi; n.e.: Sirci, Pioli (b.s. 5, 11 ace, 7 muri, 14 errori)

Allenatori: Piero Camiolo e Albino Bosi

LIBERI E FORTI FIRENZE: Costamagna 15, Sacchetti 13, Degli Innocenti 8, Toccafondo 5, Galli 4, Alberti 1, Clouccini (L1), Goretti 1, Becucci; n.e.: Bruni, Migliarini (L2) (b.s. 4, 7 ace, 3 muri, 16 errori)

Allenatori: Guglielmo Pucci e Sergio Travaglini

Arbitri: Pasquale Restaino ed Andrea Almanza

PROSSIMO TURNO E CLASSIFICA

clicca qui

SERIE B2 F

MARSCIANO ANCORA A SEGNO CONTRO UNA DELLE MIGLIORI

La mentalità vincente si acquisisce vincendo. Questo il mantra del Prof. Velasco, che le la squadra guidata da coach Sperandio sembra aver messo in pratica nelle ultime due gare disputate. Cosa ancor più significativa laddove si consideri il valore delle avversarie di turno. E così, al successo casalingo contro Ius Arezzo, ha fatto il paio quello esterno contro Stia.

Il primo set è molto. Combattuto, con le squadre che andranno punto fino alle fasi calde (19-19). Allungano le padrone di casa (21-19), ma le ospiti riacciuffano la parità (21-21). Però il fatturato dell’attacco delle toscane è migliore ed è proprio grazie a questo gap e all’errore finale in fase di conclusione di Marsciano, che Stia conquista la prima frazione (25-22).

Si combatte ancora nel corso del secondo set, che di nuovo vede le due formazioni appaiate (10-10). Ma a quel punto il fatturato dell’attacco pende in favore delle ospiti, che capitalizzano mantenendo il break fino alle fasi decisive (20-22), per poi piazzare la stoccata finale (21-25).

Alla ripresa del gioco Marsciano perde un po’ di smalto. Gli errori da quella parte della rete aumentano e ovviamente le padrone di casa ne approfittano (13-8). La reazione delle marscianesi non basta, anzi il distacco aumenta e Stia mette a referto il doppio vantaggio (25-17).

Marsciano non ci sta e quando il gioco riprende scatta subito in vantaggio (3-11). La distribuzione della regista ospite è eccellente e consente di liberare a dovere i terminali offensivi. Il divario aumenta e assume proporzioni incolmabili (7-20). La conquista del set che consente di giocarsela al tie break arriva ben presto (13-25).

L’attacco di Marsciano, soprattutto di palla alta, sembra funzionare anche nel corso del gioco decisivo, ma Sarà Stia ad andare al cambio di campo in vantaggio (8-6). Break delle ospiti, che variano molto le conclusioni (8-10) e nel finale si affidano alla freddezza e all’esperienza di Carboni, che mette a referto i due punti decisivi che valgono la vittoria finale (10-15).

Con i cinque punto conquistati contro due delle formazioni più accreditate del campionato, non solo per la classifica, Marsciano si porta a 21 punti, che valgono il nono posto provvisorio, quello che serve per la salvezza. Ma soprattutto questi due match hanno consegnato una squadra in fase dii miglioramento costante. Quel miglioramento che servirà per veleggiare definitivamente verso la tranquillità. Ma certo, vietato adagiarsi, perché il campionato è ancora lungo e ci sarà da lottare ancora già dal prossimo turno, in occasione del derby umbro contro Trestina, avversaria diretta per l’obiettivo salvezza.

OMAC ACTIVE CNC STIA – SAMER MARSCIANO 2 – 3

(25-22, 21-25, 25-17, 13-25, 10-15)

OMAC ACTIVE CNC STIA: Gaibotti 25, Bulla 16, Milli 11, Formenti 10, Calvelli 5, Trinca 1, Ronconi (L), Panichi 1; n.e.: Maggi, Francini (b.s. 16, 3 ace, 8 muri, 16 errori)

Allenatori: Roberto Latini e Roberto Sordi

SAMER MARSCIANO: Ndulue 21, Carboni A. 17, Carboni V. 11, Santi 9, Pierini 7, Volpi 5, Fagioli (L1), Scanu 2, Cornacchini, Martinoli (L2); n.e.: Chiattelli, Carboni L., Scarabottini, Brunori (b.s. 7, 5 ace, 7 muri, 18  errori)

Allenatori: Gian Paolo Sperandio e Marco Simeoni

Arbitri: Matteo Sabia e Gabriele Pulcini.

PROSSIMO TURNO E CLASSIFICA

clicca qui

TRESTINA ALLUNGA ANCORA

Dopo la vittoria maturata ai danni di Fossato nel derby umbro “salvezza”, Trestina si aggiudica anche la sfida con un’altra diretta avversaria. A farne le spese Calenzano, battuta dalle altotiberine al termine di una  termine di una lunga quanto lottata tenzone durata quasi tre ore.

Ma tutto è cominciato in salita per la squadra guidata da coach Brighigna e dal secondo Nardi, che va sotto di due set. Nel primo parziale si combatte, ma a prevalere di misura (25-23) sono le padrone di casa, che spingono molto in battuta, toccano a muro e ricostruiscono con successo.

Calano ancora gli asset delle ospiti, che nel secondo set subiscono ancora senza che la fase side-out produca poi risultati in quella punto. Il doppio vantaggio per le toscane arriva con un punteggio più pingue (25-17) e tutto avrebbe fatto pensare al peggio per le bianconere.

Arriva però la riscossa di Trestina, che ci crede e che a partire dalla difesa neutralizza l’attacco avversario, accorciando le distanze (19-25), per poi agguantare la parità (23-25).

Al tie-break Trestina va ancora sotto, ma piano piano recupera portandosi a una spanna da Calenzano (12-11). La consapevolezza nei propri mezzi c’è e alla fine le ospiti mantengono la giusta freddezza per conquistare il gioco decisivo ai vantaggi (16-18).

La vittoria delle umbre consente di guardare con un pizzico di serenità in più al futuro. Un futuro ancora incerto, ma che, con i due punti conquistati consente di sorpassare Calenzano e di portarsi a quota 19 e di conquistare la decima posizione, a – 2 da Marsciano, altra avversaria diretta per il discorso salvezza. Marsciano che, guarda caso, ancora in trasferta, sarà la prossima avversaria di Trestina.

EMMEGEL CALENZANO – AUTOSTOP TRESTINA  2 – 3

(25-23, 25-17, 19-25, 23-25, 16-18)

EMMEGEL CALENZANO: Grosso 22, Tasselli Ana. 18, Poggi 13, De Stefano 13, Falseni 9, Gagli, Ermini (L1), Foggi; n.e.: Tasselli Ani., Scarpelli, Traquandi, Nencini, Degl’Innocenti (L2) (b.s. 5, 8 ace, 13 muri, 13 errori)

Allenatori: Beatrice Beconi e Anastasia Tasselli

AUTOSTOP TRESTINA: Malesardi 30, Mancini 20, Esposito 12, Valentini 12, Zani 10, Baruffi 5, Di Francesco (L1), Gnassi 1, Saia, Cesari; n.e.: Gambino, Ciabatti, Cincinelli (L2) (b.s. 13, 4 ace, 11 muri, 20 errori)

Allenatori: Francesco Brighigna e Claudio Nardi

Arbitri: Andrea Ippolito e Gianluca Re

PROSSIMO TURNO E CLASSIFICA

clicca qui

MAGIONE TORNA AL SUCCESSO CONTRO FOSSATO

La buona vena di Fossato delle ultime gare si infrange contro una ritrovata Magione, che tampona l’emorragia di risultati che aveva caratterizzato il suo percorso nell’ultimo scorcio di campionato.

La squadra di coach Bovari ritrova i giusti equilibri fin dalle fasi iniziali, controllando abbastanza agevolmente il primo parziale e cominciando a ritrovare le conclusioni dei suoi terminali offensivi, che producono con sufficiente continuità (21-25).

Fossato mette in campo il massimo sforzo, che si concretizza nelle fasi centrali del secondo parziale. Però Magione accelera nuovamente, conquistando il doppio vantaggio nel conto dei set (18-25).

Magione è in controllo nel terzo set e continua a macinare numeri in attacco, il cui saldo è ampiamente positivo, mentre dall’altra parte della rete aumentano gli errori. Finisce di nuovo con discreto margine a favore delle ospiti (19-25), che incamerano la vittoria piena e tornano ad affacciarsi alle zone alte della classifica, con 28 punti in cascina e un buon sesto posto.

Di contro la situazione di Fossato si aggrava, con la decima posizione (occupata da Trestina con 19 punti, ovvero la prima utile per rimanere nella serie cadetta) che si allontana rispetto agli 11 punti maturati dalle rossoblu.

Prossimo turno alla portata per Magione, che riceverà Calenzano. Ma le lacustri dovranno fare molta attenzione, perché le toscane sono alla ricerca di punti per tentare di affrancarsi dal pantano delle zone basse della classifica.

Fossato se la vedrà invece in trasferta con il fanalino di coda Fenice Pistoia con la possibilità di sfruttare una buona occasione per andare a segno, o quanto meno per tornare con qualcosa in mano.

FOSSATO VOLLEY – TMM OF OCCHIALI MAGIONE 0 – 3

(21-25, 18-25, 19-25)

FOSSATO VOLLEY: Santocchia 13, Ciavattini Er. 10, Servettini 7, Beciani 4, Ciavattini El. 3, Fattorini M. 2, Sagramola (L1), Cicogna 3, Noto 1, Provvedi, Cusarelli, Bellucci (L2); n.e.: Manci, Palazzi (b.s. 5, 7 ace, 8 muri, 17 errori)

Allenatori: Massimo Pugnitopo e Giuliano Chiocci

TMM OF OCCHIALI MAGIONE: Guerrini 13, Vibi 11, Artini 9, Pistocchi 9, Guarino 6, Giunti 5, Nasi (L1); n.e.: Mitu, Barsotti, Gradassi, Mochetti, Tarducci, Baldoni, Dentini (L2) (b.s. 5, 4 ace, 10 muri, 10 errori)

Allenatori: Fabio Bovari e Simone Giannoni

Arbitri: Giacomo Marcelli e Marco Nampli

PROSSIMO TURNO E CLASSIFICA

clicca qui

Raffaello Agea