Under 17 maschile: School Volley Perugia cade in finale contro la Sir Safety

128
Pronostico rispettato nell’ultima gara del torneo di under 17 maschile. Nella finale regionale di domenica 6 giugno disputata presso la palestra dell’ITC Aldo Capitini la School Volley Perugia soccombe alla Sir Safety System che conferma il suo dominio nella categoria. La squadra del tecnico Farinelli ha resistito solo nel primo parziale, ha subito molto la fisicità degli avversari e pagato i blackout in ricezione. Bene, dunque, dai nove metri i ragazzi di Piacentini, capaci di costruire sul fondamentale una gara a senso unico. E’ tornato il pubblico sugli spalti, seppure con una capienza limitata a settanta persone.

Per gli scolari, però, non si tratta di una bocciatura, rimane il percorso fatto da sole vittorie per arrivare a disputare il titolo regionale, prima volta nella giovane storia. Così come rimane ferma la determinazione della società giallonera a voler continuare a puntare su un settore maschile numericamente in crisi da ormai tanto tempo. Il commento di Roberto Farinelli a fine gara:

La sconfitta, come tutte le sconfitte, chiaramente fa male anche se conseguita contro un avversario che ha sempre dimostrato la sua forza ed ha meritato il risultato. Sono però molto contento della squadra, i ragazzi nonostante la stagione particolare sono cresciuti molto ed hanno venduto cara la pelle. Hanno dimostrato maturità e credo che dobbiamo essere soddisfatti di noi stessi, perché abbiamo portato in campo ciò che siamo nel bene e nel male, senza alcun rammarico.

TABELLINO

School Volley Perugia nero – Sir Safety System: 0-3 (20-25 12-25 15-25)
Perugia: Casella, Marta, Ricci, Cornicchia, Mecarelli, Bellavita, Lattarini(L1), Marri, Mancini, Tabacchioni, Mazzasette. N.E.: Rubini, Lazzari, Marcomigni(L2). All.: Roberto Farinelli.

Sir: Modugno, Palazzetti, Franceschetti, Mogini, Bartolini, Basco, Broccatelli(L1), Fossa, Fiori. N.E.: Dionigi, Meattelli, Vagnetti M., Vagnetti L(L2). All.: Andrea Piacentini e Damiano Di Titta.
Arbitri: Riccardo Andreucci e Valentina Pacifici.