Plotnytskyi: “La gente del PalaBarton mi ha aiutato a fare una bella prestazione”

282
L'ucraino della Sir dopo la vittoria su Piacenza:

L’ucraino della Sir dopo la vittoria su Piacenza: “Loro hanno fatto una buona gara, ma noi ancora di più. Palazzetto bellissimo, i tifosi si sono divertiti”

   

Domenica di riposo e recupero per la Sir Safety Susa Perugia. Dopo la vittoria di sabato pomeriggio al PalaBarton contro Piacenza, la diciottesima consecutiva in Superlega, lo staff tecnico bianconeri ha concesso ai Block Devils un giorno di relax.

Ripresa programmata per domattina in sala pesi per l’avvio della settimana che porterà ad un altro big match, quello di domenica 12 febbraio a Trento.

Oggi invece è il giorno buono per assaporare l’ennesima buona prestazione bianconera uscita tra gli applausi scroscianti del PalaBarton. Un PalaBarton davvero “in temperatura” ieri sera, capace di trascinare con il suo entusiasmo i ragazzi in campo.

“Prima di tutto voglio dire una cosa: ieri il PalaBarton era bellissimo e questo mi piace tantissimo – Esordisce così l’Mvp della partita Oleh Plotnytskyi, uno dei beniamini del pubblico di Pian di Massiano – Per una questione di rotazioni il coach mi aveva fatto giocare spesso fuori casa, ma non giocavo da un po’ nel nostro palazzetto e quindi sono contento di essere stato del match. Credo sia stata una bella partita e penso che i tifosi si siano divertiti. Piacenza ha fatto una buona gara, noi forse abbiamo giocato un po’ meglio. Io Mvp? Bravi i giornalisti a votare – sorride Oleh – Sapevo che avrei giocato, vedere tutta quella gente mi ha aiutato a fare una bella prestazione, quando c’è il PalaBarton caldo gioco meglio. La squadra sta bene, stiamo lavorando in funzione del nostro prossimo obiettivo che è la Coppa Italia. Ieri con Piacenza la squadra ha fatto una buona partita, la prossima a Trento sarà un’altra bella gara da giocare ed un grande test per noi”.

Soddisfatto anche il tecnico bianconero Andrea Anastasi.

“È stata partita vera, eravamo preparati ad una gara complicata e lo è stata. Nel primo set ci hanno mezzo in grave difficoltà soprattutto con la battuta, è stata l’arma a loro vantaggio mentre noi non abbiamo gestito bene la fase di ricezione-attacco. Poi pian piano siamo cresciuto ed abbiamo preso il controllo, abbiamo continuato a giocare duro senza mai calare e forse loro non sono riusciti ieri sera a tenere il passo. Ma con Piacenza la gara importante e dura sarà tra venti giorni, pertanto non sono incline a festeggiare o a pensare tanto. La partita di ieri mi ha dato alcuni spunti interessanti in preparazione della semifinale di Coppa Italia. Come stiamo? La condizione generale è buona, anche ieri, come stiamo facendo durante la stagione, abbiamo gestito una rotazione di giocatori per testare la squadra con varie soluzioni tattiche”.