L’Umbria Volley Academy già in pole position. Il presidente Rossi: “Al PalaGuiducci non ci siamo mai fermati!”

711

Grandi progetti, nuovi orizzonti, ambiziosi traguardi: sono queste le parole d’ordine su cui poggia la nuova stagione sportiva dell’Umbria Volley Academy. A Deruta la programmazione è ripartita a pieno ritmo, o forse è più corretto dire che non si è mai fermata in questa “strana” estate di ripartenze, e punta a riprendere nel segno della normalità quanto prima, compatibilmente alle tante incertezze legate all’emergenza covid.

A tracciare la strada è il presidente Filippo Rossi:

Sono molto soddisfatto di quanto si sia riuscito a fare in questi mesi. In primavera, appena è stato possibile, abbiamo ripreso l’attività, e da allora non ci siamo mai fermati. Siamo riusciti a riportare in palestra tutti i gruppi e durante l’estate non sono mancati gli ormai famosi camp di specializzazione per le nostre ragazze. In contemporanea siamo andati avanti con il progetto della Serie D, costruendo un roster molto competitivo e realizzando molteplici investimenti.

Per la prima squadra biancoazzurra sarà l’esordio nel campionato di Serie D, che lo scorso anno a causa della pandemia non si era, infatti, potuto svolgere non rientrando tra le “manifestazioni di preminente interesse Nazionale” a differenza della Coppa Italia, unica competizione ritenuta possibile per questa categoria.

Il numero uno derutese guarda lontano, sperando che l’autunno non porti brutte sorprese, e parla con entusiasmo del “nuovo corso”:

Tante le novità all’orizzonte. Non solo una prima squadra che punta a grandi risultati, ma interessanti progetti per tutto il settore giovanile. Crediamo molto nell’importanza del vivaio ed è per questo che stiamo cercando di creare una struttura che aiuti le nostre ragazze a crescere il più possibile. E dalla prossima stagione anche dei nostri ragazzi! Ecco, infatti, l’altra grande novità: dopo tanti anni riportare la pallavolo maschile a Deruta; portando a termine il nostro disegno iniziale e realizzando, così, il sogno di mio nonno Domenico Guiducci!

Arianna Boco