La Volleyball Foligno scopre il grande cuore della pallavolo umbra: che successo per Ali, Vita, Coraggio

345

L’evento di solidarietà promosso dal Ds folignate Diego Musco in occasione della sfida tra Italchimici e Sir Monini ha raccolto ben 10200 euro, suddivisi in tre assegni per le associazioni Un Battito d’Ali, Giacomo Sintini e Daniele Chianelli

La pallavolo umbra ha scoperto il suo lato solidale e lo ha fatto sostenendo una pregevole iniziativa della Volleyball  Foligno e del suo Ds Diego Musco. Sabato 20 novembre, in occasione della gara valevole per il campionato di serie B maschile Girone F, tra Italchimici Intersistemi Foligno e la Sir Safety Monini Perugia, si è tenuto l’evento ‘Ali, Vita, Coraggio’. Il Pala Paternesi è diventato teatro di una grande raccolta fondi destinata a tre importanti associazioni umbre: Un battito d’Ali, Giacomo Sintini e Comitato per la Vita Daniele Chianelli.

Diecimila e duecento euro, suddivisi in tre assegni da 3400, sono stati consegnati ai rappresentanti delle associazioni, Veronica Montecchi per Giacomo Sintini, Maria Della Fontana Trionetti per il Chianelli e Loreta Zedda, Presidente di Un Battito d’Ali.

Somma ricavata dalla vendita dei biglietti dell’evento sportivo e da diverse donazioni che sono arrivate attraverso sponsor e comuni cittadini. Bella la risposta anche di alcune società di volley umbre: Monteluce, Deruta, Foligno Femminile, Bartoccini Fortinsissi e San Giustino, senza dimenticare il contributo del Foligno Calcio.

“Abbiamo raggiunto un bell’obiettivo – dichiara il Ds della Volleyball Foligno Diego Musco – e per questo ringrazio tutte le persone che si sono attivate per sostenere questa nostra iniziativa. Dobbiamo fare i conti esattamente e ci siamo tenuti un po’ bassi nella speranza di aver ricevuto ulteriori contributi. E’ un punto di partenza, con l’obiettivo di fare qualcosa anche nel prossimo futuro. Questo è stato un segnale importante, che ci dà stimolo per una nuova iniziativa”.

Nel corso dell’evento sportivo, si sono svolti alcuni momenti di intrattenimento per il numeroso pubblico presente: l’esibizione degli sbandieratori e tamburini della Quintana di Foligno e la simpatica presenza sugli spalti dei clown di corsia dell’associazione Un Battito d’Ali.

Presenti anche il Presidente della Fipav Umbria, Giuseppe Lomurno, l’Assessore allo Sport del Comune di Foligno Decio Barili e il Presidente della Volleyball Foligno Alberto Stefanecchia.

Davvero un bel pomeriggio di sport e solidarietà e complimenti sinceri al ds della Volleyball Foligno Diego Musco, che ha sognato e messo in pratica un pomeriggio del genere.

LA PARTITA

ITALCHIMICI INTERSISTEMI FOLIGNO – SIR SAFETY MONINI PERUGIA 0-3 (21-25 21-25 19-25)

La sfida tra L’Italchimici Intersistemi Foligno e la Sir Safety Monini Perugia si è conclusa con il netto successo 3-0 della formazione di coach Carmine Fontana, anche se l’andamento della gara ha lasciato qualche rimpianto tra i falchetti. Nei primi due set, infatti, Battistelli e compagni hanno tenuto testa alla quotata Sir, ribattendo punto su punto ed evidenziando qualche errore solo nel finale. Dall’altra parte coach Fontana ha potuto contare sulla buona vena di Bucciarelli e in generale sulla tenuta di un gruppo che ha evidenziato qualità soprattutto in attacco. Nel terzo set coach Restani ha sperato più volte di riaprire la gara, ma alla fine la tenuta mentale di Perugia ha fatto la differenza, creando un po’ di rammarico proprio nello stesso allenatore.

“Oggi non mi è piaciuta la prestazione dei miei ragazzi, che sono entrati in campo e hanno condotto la partita con lo spirito sbagliato. Mi aspettavo una prestazione diversa, vista anche l’importanza della giornata”.

Soddisfatto ma con i piedi ben saldi a terra, il collega Carmine Fontana.

“Abbiamo vinto una partita importante, contro un’ottima squadra, reduce da prestazioni di livello. Non ci esaltiamo più di tanto, il nostro gruppo è molto giovane e di errori ne commette ancora tanti”.

Con il successo di Foligno la Sir sale a quota 12 punti in classifica, guadagnando il secondo posto. L’Italchimici resta ferma a quota 6, in piena bagarre salvezza.