Monteluce rinuncia alla B e guarda al futuro

100
Monteluce rinuncia alla B e guarda al futuro. Tutte le risorse del club andranno per lo sviluppo del settore giovanile 

Monteluce rinuncia alla B e guarda al futuro. Tutte le risorse del club andranno per lo sviluppo del settore giovanile

Dopo settimane di intense riunioni e lunghe riflessioni, il Consiglio Direttivo dell’APD Monteluce ha ufficializzato la decisione di non partecipare al prossimo campionato nazionale di Serie B Maschile.

La decisione era già nell’aria vista l’ufficializzazione della separazione amichevole con il coach Paolo De Paolis, che ha sposato in pieno le ragioni e condiviso i progetti della società che non lo vedranno nello staff tecnico.

Questa situazione è stata comunicata anche a tutti gli atleti della prima squadra e allo staff tecnico.

L’emergenza nazionale da Covid-19 ha messo in grande difficoltà l’APD Monteluce, una situazione poi comune a tante altre società sportive dilettantistiche, per cui il consiglio direttivo della società perugina ha deciso di far convergere tutte le risorse economiche ed umane in quello che dovrà essere il futuro: il settore giovanile.

La società sta potenziando, in maniera energica, lo staff tecnico, scegliendo figure valide sia dal punto di vista umano che tecnico, che possano garantire la crescita tecnica, fisica e motoria dei propri giovani fin dai primissimi “palleggi” e creando maggiori spazi ed opportunità per gli allenamenti.

Investire nei giovani vuol dire anche investire nel futuro della pallavolo.

Da anni, il volley indoor maschile, si trova in gravi difficoltà numeriche, gli iscritti sono pochi, i giovani iniziano ma smettono o cambiano sport dopo pochi anni cercando fortuna in altre attività sportive più famose e sponsorizzate.

La mancanza di giovani pallavolisti è un allarme importante, che deve necessariamente portare tante società a riflettere sui propri investimenti nei settori giovanili, unica via per mantenere in vita questo sport nella nostra regione.

Questo il commento del Presidente Vagnetti:

“Vorremmo essere un apripista verso un nuovo modello di fare pallavolo incentrato sulla crescita dei giovani, garantendo futuro a questo sport. La sofferta decisione di non prendere parte al campionato nazionale non cancella comunque quanto accaduto negli ultimi anni con la storica promozione della squadra dopo aver vinto il campionato di serie C sul campo e conquistato il palcoscenico nazionale dove la società ha partecipato al campionato nazionale di serie B per due stagioni consecutive portando letteralmente in giro per l’Italia il logo dello “Strike Team”. La nuova avventura rinnova – nell’anno del 50mo compleanno dell’APD MONTELUCE – la voglia di puntare sui propri giovani come stimolo principale per società, tecnici ed atleti. La nuova stagione vedrà lo Strike Team prendere parte al campionato regionale con una squadra giovane che sarà affidata alla cura del tecnico Marco Ferraro, nonchè la partecipazione a tutti i campionati federali di categoria, con più di un occhio di riguardo per i più piccini del minivolley. Tutte le attività – a testimonianza dell’impegno e della cura che la società riserva ai propri tesserati – verranno svolte nel rispetto delle linee guida dettate da federazione ed enti preposti per far fronte alle necessità legate all’emergenza da Covid-19. Nel darci appuntamento all’imminente nuova stagione, la società vuole esprimere il suo più sentito ringraziamento al mister Paolo De Paolis, al suo staff tecnico composto da Andrea Moscioni e Marco Saldi ed a tutti gli atleti che hanno difeso quest’anno e negli anni passati i nostri colori per l’impegno, la serietà e la dedizione a cui saremo sempre grati”.