Capitombolo Sir, sconfitta a Trento

596
Sir-Trento: cronaca di una sfida infinita. Sono ben 30 i match disputati fra le due formazioni. Bilancio a favore dei trentini, ma De Cecco e compagni si appellano al fattore casalingo

La Diatec Trentino ridimensiona la Sir Safety Conad Perugia che esce sconfitta per 3-0 dalla sfida che valeva il terzo posto in classifica. Ancora una volta la formazione del presidente Sirci è apparsa impacciata in difesa e lenta in attacco. I campioni d’Italia di Trento confermano invece, dopo una partenza in campionato lenta, di volere puntare decisamente in alto.

Nel Trento c’è in campo Urnaut, assente nella gara di andata, dall’altra parte della rete Kovac continua a preferire Russell a Fromm. Il primo set si inerpica lungo il filo dell’equilibrio, Perugia e Trento si equivalgono ed occore un ace di Urnaut per creare il primo break significativo (19-16). Kovac ferma il tempo per trenta secondi, ma il servizio dello sloveno è davvero efficace ed è solo un suo errore che consente il cambio palla (20-17). I “block devils” provano a rientrare, De Cecco in ace è 21-20 ma è un fuoco di paglia, Trento mura Atanasjievic ed un servizio in rete di Buti chiude il set sul 25-22.

Nel secondo parziale la Sir Safety appare poco lucida anche se sono solo due i punti di distacco al time out tecnico (12-10). E’ un continuo rincorrere della squadra di Kovac e quando riesce a riportarsi sotto, Trento trova sempre il colpo vincente (18-16). Sicuramente Trento difende molto bene e Colaci neutralizza il potente servizio Atanasijevic, viceversa la ricezione perugina è difficoltosa ed alla fine il parziale va alla squadra di casa con l’ultimo punto frutto di un muro proprio sull’opposto serbo.

Finalmente c’è una reazione degli uomini di Kovac, ma dura poco il vantaggio (2-5), Trento approfitta degli errori avversari e ribalta (9-7). Perugia supera il momento di affanno ed al tempo lungo di sosta è sotto di un solo punto (12-11). Solè in primo tempo porta avanti i suoi (14-12), mentre continua a forzare e sbagliare il servizio Perugia e sicuramente questo non aiuta i tentativi di rimonta. Giannelli invece trova i nove metri quando è il suo turno al servizio e mette in ghiaccio l’ultimo set (22-16).

Diatec Trentino – Sir Safety Conad: 3-0 (25-22 25-21 25-18)

Diatec Trento: Djuric 15, Urnaut 13, Lanza 8, Solé 8, Van De Voorde 6, Antonov, Giannelli 6, Colaci(L), Mazzone D. 1, Bratoev. N.E.: Nelli, Antonov, Mazzone T., De Angelis. All.: Radostin Stoytchev e Dario Simoni

Sir Safety Conad Perugia: Atanasjevic 14, Russell 9, Birarelli 7, Buti 7, Kaliberda 3, De Cecco 5, Giovi(L), Tsioumakas, Fanuli, Fromm. N.E.: Dimitrov, Holt, Elia. All.: Slobodan Kovac e Carmine Fontana

Arbitri: Alessandro Tanasi (SR) e Gianni Bartolini (FI)

Trento (b.s. 11, v. 5, muri 9, errori 5)

Perugia (b.s. 12, v. 2, muri 3, errori 6)

Angelo Pagano