Una Francia mostruosa non basta alla 3M Perugia

151

Una Francia mostruosa non basta alla 3M Perugia. Altino Chieti espugna il ‘Capitini’ al tie-break al termine di una partita tiratissima, dove la campionessa italo-cubana ha messo a segno ben 34 punti

La 3M Perugia sfiora la vittoria nella difficile sfida interna contro la coriacea Di Carlo Spa Altino Chieti. Dopo cinque set sono state le abruzzesi ad avere la meglio (2-3), ma la squadra di Guido Marangi ha offerto una prova di grande spessore sotto l’aspetto tecnico e agonistico. Assoluta protagonista del match disputato al ‘Capitini’ è stata Mirka Francia, che a dispetto dei 43 anni ha sfoderato una prestazione super, costellata da ben 34 punti. Difficile dire se si tratta di un record assoluto per la categoria, ma è chiaro che non si assiste tutti i giorni a prestazioni del genere. Peccato che alla score della Francia non si siano abbinati i due punti, anche se Marangi può essere comunque soddisfatto per aver mosso la classifica in chiave salvezza, portando a +7 il vantaggio sulla ‘zona rossa’. Sabato prossimo a Pistoia contro Quarrata, la 3M Perugia si giocherà molte delle chance di chiudere senza grossi affanni la stagione.

CRONACA

Per l’occasione il tecnico perugino ha sfoderato l’ormai consueto starting six, con Zirotti e Rossit ai lati, Ragnacci e Nana centrali, Bertinelli al palleggio e Francia opposto. Unica variante, come a San Giustino, l’ingresso di Arianna Cicogna nel ruolo di libero al posto dell’infortunata Michela Mastroforti.

L’avvio di gara è stato all’insegna dell’equlibrio. Altino ha più volte tentato la fuga, ma la 3M Perugia non ha mai mollato. Come nel finale del primo parziale quando Rossit e compagne hanno recuperato e costretto le abruzzesi ai vantaggi, spuntando l’1-0 (26-24). Nel secondo set l’andamento è rimasto lo stesso: Altino avanti e 3M mai doma. Nella fase decisiva, però, le ospiti hanno tirato fuori le unghie e conquistato il vantaggio (22-25). Nel terzo parziale Mirka Francia è salita definitivamente in cattedra. Le sue ‘bombe’ dalla seconda linea hanno scardinato il fortino di Altino. Le compagne hanno fatto la loro parte, mostrando grande determinazione e ottima resistenza (25-22). Un po’ meno allineata con il livello della partita la coppia arbitrale, spesso pizzicata dalle proteste dal tarantolato coach abruzzese Di Rocco. Avanti 2-1 la 3M Perugia nel quarto set ha accusato un po’ di stanchezza e Altino ne ha approfittato per mettere insieme un bel vantaggio che è risultato decisivo ai fini del 2-2 (20-25). Marangi ha pensato bene di far rifiatare Mirka Francia in vista del tie-break, anche se la squadra senza la ‘fuoriclasse’ italo-cubana ha continuato ad inviare segnali confortanti. Al tie-break è stata una vera e propria battaglia. Le abruzzesi hanno giocato di squadra, la 3M si è affidata alla già citata Francia e a Roberta Zirotti. Un botta e risposta continuo che si è protratto fino al 20, quando gli è episodi hanno fatto chiaramente la differenza e consentito ad Altino di strappare la vittoria (20-22).

INTERVISTE

Guido Marangi, coach 3M Perugia

“Peccato per il risultato finale. Per come abbiamo giocato e combattuto avremmo meritato la vittoria. Mi complemento con tutta la squadra per la prestazione. Questo è lo spirito giusto per affrontare tutti gli avversari, al di là della classifica e dei valori tecnici. Mirka Francia? Ha dimostrato anche stasera di essere un’autentica fuoriclasse”

TABELLINO

3M PERUGIA – DI CARLO SPA ALTINO CHIETI 2-3 (26-24, 22-25, 25-22, 20-25, 20-22)

PERUGIA: Francia 34, Zirotti 17, Ragnacci 13, Rossit 8, Nana 7, Tarducci 2, Bertinelli 1, Cicogna (L). N.E. Pero e Terchi. All.: Marangi. Assistente: Vinti.

ALTINO: Russo 18, Panucci 17, Nonnati 12, Vanni 10, Cipriani 8, Ricci 6, Orazi 1, Lorenzini (L). N.E. Spagnoli, Lovecchio, Scudieri, Montechiari, Simeone. All.: Di Rocco.