Sir: Russo torna a pieno regime con la nazionale

236
Sir: Russo torna a pieno regime con la nazionale
 

Il centrale siciliano dopo due anni di infortuni: “Sensazioni positive, ancora mi manca un po’ di ritmo partita”

Dopo tanta sfortuna, dopo tanta sofferenza a bordo campo, dopo tantissimo lavoro a parte, dopo due stagioni decisamente travagliate è finalmente tornato ad assaggiare il campo ed il piacere della partita Roberto Russo.

Il centrale palermitano della Sir Safety Susa Perugia ha fatto ritorno sul taraflex con la maglia della nazionale italiana nel week 3 della Vnl disputato la scorsa settimana in Polonia.

Due match interi contro Bulgaria e Serbia, un set contro l’Olanda, 19 punti, 7 muri, 2 ace e 10 attacchi vincenti in totale. Ma soprattutto l’impressione di essere di nuovo a posto fisicamente.

Roberto, nella sua Sicilia in questi giorni in attesa di tornare prontamente in nazionale, non nasconde la sua gioia.

“Ho vissuto tante emozioni in questi giorni in Polonia. Rientrare dopo quasi due anni di infortuni con la maglia azzurra addosso è sempre un orgoglio. I miei compagni mi hanno aiutato molto in campo, il nostro in nazionale è un gruppo giovane, quasi tutti hanno grosso modo la mia età, alcuni sono miei amici stretti. Ho avuto buone sensazioni in campo. Chiaramente mi mancava un po’ di ritmo di gioco, devo ancora abituarmi alla partita, ma tutto sommato sono soddisfatto, le gare in cui sono sceso in campo credo di averle giocate abbastanza bene. Adesso devo continuare a lavorare e devo cercare di continuare su questa strada”.

Continuare che per Russo significa a breve far ritorno in azzurro.

“Giovedì ci ritroviamo a Firenze in vista della Finals della Vnl in programma a Bologna dal 20 al 24 luglio dove vogliamo farci assolutamente valere. Poi a fine luglio torno in Sicilia, c’è il matrimonio di mia sorella Federica di cui sono testimone e subito dopo via di nuovo in ritiro a Cavalese”.

Con vista Mondiale dove l’Italia si presenta da campione d’Europa in carica. Questo il futuro prossimo di Russo, quello (non di molto in verità) più remoto si chiama Sir Safety Susa Perugia.

“Tornerò a Perugia a bomba – dice Roberto – La squadra è sempre più forte, non sono il tipo che si sbilancia in pronostici, ma gli obiettivi sono chiari. Il reparto centrale? Quest’anno al centro sarà tostissima e con grande competizione ad ogni allenamento. È arrivato Flavio, un giocatore fortissimo, chissà che non ci si incontri a Bologna nei prossimi giorni in un Italia-Brasile…”.

Per vederli dalla stessa parte del campo bisognerà invece attendere la prossima stagione.

“Un saluto a tutti i Sirmaniaci, non vedo l’ora di vederli presto al palazzetto. E, visto che in questi giorni si festeggiano i 20 anni della società… Tanti auguri Sir”.