San Giustino si riscatta a Foligno

66

Dopo la sconfitta nell’allenamento congiunto contro la Edotto Rossi, successo ai danni dell’Italchimici. Buone indicazioni in vista del campionato

Una ErmGroup più “disinvolta” rispetto a mercoledì scorso ha superato la Italchimici VolleyBall Foligno nell’allenamento congiunto di venerdì 8 ottobre al palasport di via Anconetana.

I biancazzurri, reduci dalla prestazione sotto tono contro l’altra folignate del girone F di Serie B maschile, la Rossi Ascensori, hanno ritrovato alcuni automatismi al cospetto di un’avversaria che comunque sul piano della determinazione non ha mai mollato, nemmeno quando è trovata sotto con margini da recuperare piuttosto netti.

In più di una circostanza, trascinata dai vari Musco e Floris, la formazione del tecnico Paolo Restani si è rifatta sotto e in questo frangente la ErmGroup ha avuto la giusta lucidità per riprendere in mano la situazione. Alla fine, i set disputati hanno dato sempre ragione ai ragazzi di Marco Bartolini con parziali di 25-15, 25-21, 25-18 e 15-9. Con Agostini finalmente rientrato a una settimana dal via del campionato (ma anche per Bartoli le notizie sono positive), tutti i giocatori a disposizione sono stati impiegati, tanto che ogni frazione è stata caratterizzata da un diverso 6+1 di partenza. Battuta e ricezione, i fondamentali più “appannati” a Porta Todi, hanno funzionato meglio, alla pari dei contrattacchi e del muro, seppure la ErmGroup – prima frazione a parte – abbia espresso a sprazzi il suo gioco migliore, ma ciò è dipeso anche dai diversi rimpasti di pedine operati dal coach sangiustinese, che ha voluto provare più soluzioni e concedere a ogni singolo l’opportunità di mettersi in mostra.

E tutti si sono dimostrati pronti al momento della chiamata, con Cipriani ancora in evidenza da posto 2 e al servizio, Skuodis più tonico e Agostini che ha lavorato di esperienza.

“Fra le mura amiche – ha commentato l’allenatore Bartolini – i giocatori hanno acquisito quelle sicurezze e quei punti di riferimento che dobbiamo ora trovare anche in trasferta, se vogliamo disputare un campionato di vertice. Dobbiamo evitare di far tornare in partita gli avversari, come avvenuto nel secondo set e non ho interrotto di proposito il match perché volevo che loro stessi trovassero il modo per uscire fuori dalla sequenza negativa. In questo, i ragazzi sono stati bravi. Permettetemi infine un plauso anche agli atleti finora impiegati di meno: Cioffi, Zangarelli, Stoppelli, Daniel e Ricci, che sono entrati in campo sintonizzandosi subito con gli altri”.