Perugia esce sconfitta, ma Trento suda

    169
    Perugia esce sconfitta, ma Trento suda

    Perugia esce sconfitta, ma Trento suda. La sconfitta era da pronostico ma la formazione di Bovari dimostra di crederci e che la salvezza non è impossibile

    Non si può biasimare nulla alle ragazze della Bartoccini Gioiellerie Perugia che provano in tutti i modi a ribaltare il pronostico. Alla fine le ragazze ospiti hanno la meglio, ma il secondo set rimarrà memorabile per i quarantaquattro minuti che hanno tenuto tutti col fiato sospeso. Certo dopo la maratona probabilmente le perugine hanno mollato la presa, sfiduciate dall’esito del parziale precedente. Però aver dimostrato di voler giocare anche contro il pronostico pone un tassello importante per il prosieguo della stagione. Tutto sommato l’obiettivo di settembre era la salvezza che ad oggi è alla portata.

    Sicuramente alla fine hanno fatto leva i 25 punti della opposta greca Kiosi, ma tutto il pacchetto d’attacco della formazione trentina ha avuto percentuali superiori. Perugia si è difesa e nei primi due parziali, sotto a metà set, ha cercato la rimonta. Una rimonta che le settentrionali sono riuscite a contenere bene nel primo set, con tanta fatica nel set successivo. Un altro impegno difficile attende la squadra del presidente Bartoccini, fra sette giorni a Brescia.

    I tabellini.

    Bartoccini Gioiellerie Perugia – Delta Informatica Trentino: 0-3 (22-25 38-40 19-25)

    Perugia: Lotti 14, Pascucci 13, Tomic 12, Zuleta 8, Repice 7, Mazzini, Giampietri(L1), Kotlar 2, Fiore 1, Barbolini, Mancinelli. N.E.: Puchaczewski, Cruciani V., Santibacci(L2). All.: Fabio Bovari e Daniele Panfili.

    Trento: Kiosi 25, Fobdriest 13, Dekany 11, Fiesoli 11, Moretto 7, Moncada, Zardo(L), Michieletto 4, Carraro, Moro. N.E.: Fucka, Antonucci. All.: Nicola Negro e Serena Avi.

    Arbitri: Pierpaolo Di Bari e MAria Giuseppe Di Blasi

    Bartoccini (b.s. 6, v. 4, muri 9, errori 13)

    Delta (b.s. 9, v. 5, muri 5, errori 12)

    Angelo Pagano