LPR Piacenza-Sir Safety Conad Perugia: i commenti post gara

    405

    La vittoria dei bianconeri nell’esordio in campionato sul campo della Lpr Piacenza ha dimostrato la bontà e la qualità del gioco della squadra di Kovac che se soffre ancora di alcune pause, è sicuramente in grado di proporre concretezza ed esuberanze tecnica e fisica di primissimo livello. Ancora una volta servizio e muro hanno confermato di essere i fondamentali di punta del gioco di Birarelli e compagni, così come l’attacco che anche al PalaBanca ha chiuso oltre il 50% di squadra. Altro aspetto importante rimarcato dal tecnico Kovac è la profondità della rosa bianconera. Ieri gli innesti di Buti, ma anche dei vari Chernokozhev, Della Lunga e Mitic, si sono rivelati vincenti.

    Sapevamo che Piacenza era una squadra forte e costruita per fare bene, – spiega Simone Buti – siamo stati bravi a partire a testa bassa. Poi la pallavolo è questa, l’avversario ha giocato bene ed abbiamo sofferto, ma siamo comunque rimasti tranquilli, abbiamo cercato di fare sempre il nostro gioco ed alla lunga questo ha pagato. Pause nel gioco? È normale, non bisogna mai dimenticare la qualità dell’avversario ed il livello molto alto quest’anno della Superlega. Piuttosto è bene ricordare la forza di questo gruppo. Noi abbiamo grandissime individualità, ma le partite si vincono di squadra, c’è bisogno di tutti e tutti devono farsi trovare pronti. Adesso incameriamo i tre punti, lavoriamo in settimana e pensiamo alla prossima.

    Tre punti importanti, lottati e sofferti, – afferma l’argentino De Cecco – Piacenza ha giocato una bella partita, noi comunque abbiamo dimostrato di essere una squadra ed abbiamo fatto il nostro dovere. Bravi Buti e Della Lunga, che sono entrati in momenti difficili facendo grandi giocate, ed ora proseguiamo nel nostro lavoro. Stiamo crescendo, credo che ci siamo espressi meglio che in Supercoppa, ma abbiamo ancora molti margini di miglioramento.