La Volley Umbertide si gode l’under 16

138
 

Prosegue a suon di successi la marcia delle biancorosse umbertidesi guidate da coach Fiorella Di Leone, che nella trasferta perugina centrano l’ennesimo traguardo stagionale, staccando il pass per la semifinale del campionato di categoria.

A farne le spese, questa volta, la quotatissima formazione della Pallavolo Perugia, che alla fine di un match vietato ai deboli di cuore, cede alla caparbietà e alla grande coesione delle umbertidesi. Un match vietato ai deboli di cuore, durato quasi due ore e mezzo, con ben tre parziali, tra i quali il tie break, finiti ai vantaggi.

Ai blocchi di partenza la favorita era certamente la squadra di casa. Ma capitan Lang e compagne sono scese in campo decise a lottare fino all’ultimo pallone, consapevoli di un miglioramento tecnico e di squadra continuo, anzi esponenziale, nel corso di tutta la stagione.

IL MATCH si apre con il punteggio in equilibrio, fino a quando le padrone di casa piazzano un allungo grazie a colpi potenti e precisi degli attaccanti di palla alta, soprattutto da posto 4 (14 – 8). Le magliette rosse non ci stanno e a loro volta piazzano fendenti decisivi con le loro schiacciatrici, agganciando e sorpassando (19 – 21), per poi controllare e giocare con molta attenzione, così aggiudicandosi il primo parziale (22 – 25).

Alla ripresa del gioco, però, le umbertidesi calano la tensione e nonostante si portino sopra il break (4 – 8), subiscono una veemente reazione delle perugine, soffrendo molto in ricezione e non riuscendo a contrattaccare come sanno. La distribuzione, con palla spesso staccata, non è più fluida e Perugia si aggiudica il frangente con ampio margine (25 – 15).

Ma nulla è compromesso. Anzi, la terza frazione consegna ancora al pubblico una squadra ospite fresca e pimpante, che spinge molto al servizio e aggiunge all’attacco di palla alta quello in primo tempo. Anche le soluzioni da seconda linea, soprattutto dal centro sono spesso vincenti. Il distacco nel punteggio è consistente a metà set (8 – 14) e sebbene le perugine si riavvicinino, Umbertide allunga ancora, conquistando ben sei set point (18 – 24). Tutto farebbe pensare alla conquista della frazione per la squadra guidata da Di Leone, ma a quel punto, forse in preda all’emozione, è proprio il caso di dire che le avversarie beneficiano di un inaspettato regalodi Umbertide, piazzando un parziale di 8 a 0 che vale la conquista del set (26 – 24).

Anche nelle migliori famiglie il contraccolpo per la ghiotta occasione sfumata avrebbe potuto essere fatale. Ma una volta in più le umbertidesi dimostrano di avere nelle braccia e nelle gambe i colpi giusti. E soprattutto giocano lasciandosi alle spalle il set precedente, tornando a lottare su ogni pallone, senza concedere nulla che non sia dovuto alla bravura delle avversarie. E dimostrano di averne di più, perché quando il punteggio si fa caldo e quando Perugia allunga ancora, conquistando due match point (22 – 24), lasciano andare il braccio senza paura, piazzando vincenti dai nove metri, difendendo l’impossibile e mettendo a terra fino alla conquista del parziale (24 – 26).

Il tie break è forse l’epilogo più giusto per una partita vibrante e carica di emozioni. Emozioni che però non finiscono, anzi raddoppiano nel corso del gioco decisivo. Si cambia sull’8 a 3 in favore di Perugia. Tutto finito? Macché! E’ ancora rimonta e tutto si risolverà ai vantaggi. Umbertide annulla tre match point (sul 14 – 12 e sul 15 – 14) e mette a segno la zampata decisiva con un ace di piazzamento (17 – 18) e un attacco giocato d’astuzia sul classico buco in mezzo al campo, che crea scompiglio dall’altra parte della rete e che produce un secondo tocco “in tribuna” (17 – 19).

L’ANALISI consegna al campionato e a questi playoff una squadra mai doma, che non si perde d’animo anche nelle situazioni più sfavorevoli. Una vera squadra, dove tutte le giocatrici fanno il loro, anche quando sono chiamate per una battuta o per dare solo man forte in seconda linea. Ma ancor prima dell’analisi, c’è il giusto tripudio, tifosi, genitori e dirigenza compresi. E questa vittoria, non senza qualche lacrima di gioia da parte di alcune delle magliette rosse, consacra definitivamente le giovani umbertidesi nell’olimpo della pallavolo regionale. Certo, a inizio campionato la squadra era tutta da costruire, ma il grande lavoro tecnico e il sudore in palestra hanno prodotto i frutti sperati e oggi essere tra le prime quattro del campionato ripaga ampiamente questo lavoro.

Ma non è ancora finita, perché la prossima settimana ci sarà da giocare una semifinale tutta da vivere con la vincente tra Fossato di Vico e San Mariano.

PALLAVOLO PERUGIA DIAMANTE  – VOLLEY UMBERTIDE 2 – 3 (22-25, 25-15, 26-24, 24-26, 17-19)

PALLAVOLO PERUGIA: Bugiardini, Castagnoli, Emanuelli, Magnalasche, Magrini, Oliva, Patasce, Pecetti, Rughetti, Turchetti, Lipparoni (C; L1), Corradi (L2).

Allenatore: Sabrina Paparelli. Vice allenatore: L. Ziini.

VOLLEY UMBERTIDE: Bogna Giorgia, Casagrande, Fiorucci Aurora, Fiorucci Azzurra, Lang, Musino o Mussini, Occhirossi, Riberti, Scota, Spaziani, Tempobuono, Bogna Giada (L).

Allenatore: Fiorella Di Leone. Dirigente: Daniela Scopetta.

Arbitro: Chiara D’Auria