Il punto sulla serie B femminile: derby che fatica!

92
Il punto sulla serie B femminile: derby che fatica!

Il punto sulla serie B femminile: derby che fatica! San Giustino si impone su Perugia dopo aver rischiato. In B2 3m Perugia annichilisce Donoratico

L’aria da derby stava per tirare un brutto scherzo alla Sia Coperture San Giustino. Nella sesta giornata di ritorno in B1 femminile girone C, le sangiustinesi si impongono un rimonta sulla Limmi School Volley Perugia. Il risultato finale di 3-1 (8-25 25-21 25-21 25-13) premia le padrone di casa e lascia un po’ di amaro in bocca alle ospiti. Oltre al primo set anche nel terzo il 10-16 lasciava presagire ben altro risultato. Momenti di sbandamento che in una squadra che punta ai playoff non dovrebbero esserci. La classifica delle perugine è ora pesante, sempre terzultime staccate di otto punti dalla salvezza. Sangiustinesi quinte a due punti dalla zona nobile della classifica.

Sconfitta per 0-3 (24-26 16-25 23-25) della Lucky Wind Granfruttato Trevi ad opera di una delle due corazzate del campionato, la Canovi Coperture Sassuolo. Trevane che comunque hanno fornito una prova di carattere ed orgoglio, il distacco dalla terza ed ultima posizione utile per i playoff è di cinque punti.

In B2 la 3m Perugia annichilisce la quarta in classifica, Gemelli 2.0 Donoratico, con un 3-0 (25-14 25-14 25-14) netto nel gioco e nel punteggio. Una gara che è apparsa a tratti impari, toscane mai in partita ed il girone G continua a vedere in testa una corsa a tre. Oltre Perugia, Cagliari e Siena e proprio quest’ultima, la Convergenze CUS, batte in casa per 3-0 (25-13 25-22 25-22) la Sorbi Gioielli Ponte Felcino. Le ragazze di Pugnitopo ormai non hanno più nulla da chiedere al campionato con una salvezza raggiunta da un paio di settimane. Perde ancora la OMG Galletti Ponte Valleceppi, questa volta in casa per 1-3 (21-25 25-23 26-28 17-25) contro la Modo Volley Marino. E’ la undicesima sconfitta in stagione ed il distacco di otto punti dalla zona rossa rimane immutato per le sconfitte delle squadre inseguitrici.

Angelo Pagano