Il circuito minivolley del CSI ha fatto tappa ad Ellera

513
Il circuito minivolley del CSI ha fatto tappa ad Ellera

Il circuito minivolley del CSI ha fatto tappa ad Ellera. Tanti i presenti e non solo in campo, la società del presidente Biancalana punta sulle giovani leve

Altra soddisfazione, forse la più importante per l’Ellera volley che per la seconda volta ha ospitato il raduno di minivolley organizzato dal CSI di Perugia. Circa 400 i ragazzini tra la mattina e il  pomeriggio provenienti da 20 società del circondario. Per la società corcianese il movimento del mini volley è in grande crescita. Difatti è il secondo anno in cui la società si è dedicata alla crescita ludico-sportiva delle piccole nuove leve e le iscrizioni sono in continuo aumento.

Sono oltre trentacinque i bambini che praticano questo bellissimo sport a Ellera. Questo fa ben sperare per i prossimi anni; l’obiettivo della società è quello di crescere nel giovanile cominciando dagli anni di avviamento allo sport e per continuare con le categorie under. Sicuramente ci vorrà del tempo e tanta pazienza ma il fine è quello di crescere risorse per il futuro, ricreare quello spirito di attaccamento alla maglia e ai colori della società che è la cosa più bella dello sport di squadra. Far parte di un gruppo, sentirsi parte di un qualcosa di più grande, appoggiarsi all’altro e rispettarsi ogni giorno. Crescere insieme con valori puri e profondi che oggi sembrano non esserci più ma che in realtà vanno solo riscoperti e trasmessi alle nuove leve.

Oggi questo compito è arduo è difficile per le associazioni sportive, gli allenatori e gli stessi educatori. La società in cui viviamo porta ormai a mettere al centro il proprio io e i propri interessi e l’altro è un di più. In questo percorso di formazione oltre che di crescita sportiva personale, il CSI è l’associazione che meglio incarna il vero spirito educativo. Paolo Scarponi racchiude tutto questo nella sua persona. Da tanto tempo organizza il circuito minivolley del Centro Sportivo, ama stare in mezzo si bambini, inventare giochi con loro e per loro, parlarci e farli divertire, per questo i suoi raduni hanno quel qualcosa in più che difficilmente si trova in altri contesti.